Per una Università che rispetti i diritti degli studenti

RIFONDAZIONE COMUNISTA TORINO CONTRO I FASCISTI NELLE UNIVERSITA' E PER UN'UNIVERSITA' CHE RISPETTI GLI STUDENTI E IL LORO DIRITTO ALLO STUDIO

Rifondazione Comunista Torino condanna fermamente la presenza, stamattina 8 ottobre 2014, del gruppo studentesco neofascista Fuan al Campus Luigi Einaudi, la sua campagna razzista contro gli studenti stranieri e la protezione che le Forze del disordine danno a questi delinquenti.

Appoggiamo e applaudiamo tutti gli studenti che si sono opposti a questa oscura presenza, consapevoli con loro che l'Università torinese e nazionale versa in condizioni critiche per i tagli scellerati operati dal MIUR e per il taglio dei fondi regionali operati dalla ex Giunta Cota, che ha di fatto tagliato le gambe all'assistenza alle fasce deboli, tagli fatti con l'appoggio di personaggi come Augusta Montaruli e Maurizio Marrone, cui il Fuan è notoriamente legato.
Rifondazione Comunista Torino sarà pronta, con i Compagni presenti in Università e al fianco degli studenti, a respingere questi figuri in ogni occasione in cui oseranno presentarsi.
Antifascisti sempre!

 

E' ormai nota la grave situazione di sovraffollamento e di malagestione che devono subire ogni giorno gli studenti di Palazzo Nuovo, la situazione è semplice: gli iscritti aumentano e gli spazi rimangono sempre gli stessi.
Contro questo degrado si sono mossi gli studenti con delle assemblee volte a capire l'entità del problema, raccogliendo testimonianze da portare poi in Rettorato.
Rifondazione Comunista Torino appoggia con tutte le sue forze questa azione studentesca volta a ridare dignità a un diritto allo studio troppo calpestato e richiede che vengano immediatamente presi provvedimenti perchè la situazione venga risolta.

Nicolò F. - Comitato Politico Provinciale
Torino, 8 ottobre 2014

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo