Locatelli (Prc-Se): presidio in corso Brunelleschi. la dignità umana si rispetta, non si calpesta. Chiudere tutti i Cpr

Clicca qui per l'articolo su Torino Oggi, Clicca qui per le foto dell'iniziativa 

I Cpr, vere e proprie galere per migranti incolpevoli, vanno chiusi. Questo diremo stasera al presidio che si terrà davanti al Cpr di Torino, in Corso Brunelleschi. Non si può assistere passivamente allo strazio di vite umane che si consuma tra le mura invalicabili di Centri Permanente per i Rimpatri che assomigliano sempre più a dei veri e propri lager. Il trattamento crudele riservato a Musa Balde è emblematico di una ingiustizia assoluta, di un mondo capovolto.

Com’è possibile che Musa, ragazzo di 23 anni originario della Guinea, dopo essere stato massacrato di botte, finisca in un centro di detenzione mentre i suoi aggressori, tre delinquenti italiani, siano a piede libero? Una situazione disperante che ha portato Musa a suicidarsi. Più che un suicidio un omicidio indotto da leggi di Stato ingiuste e da forme di detenzione che portano persone incolpevoli alla disperazione assoluta. No, non si può stare a guardare. La dignità umana si rispetta, non si calpesta. Chiudere tutti i Cpr.
*Ezio Locatelli, segretario provinciale
Rifondazione Comunista Sinistra Europea

Nessun profitto sulla pandemia, Rifondazione Comunista aderisce e promuove la raccolta firme europea

Il COVID-19 si diffonde a macchia d’olio. Le soluzioni devono diffondersi ancora più velocemente. Nessuno è al sicuro fino a che tutti non avranno accesso a cure e vaccini sicuri ed efficaci.
Abbiamo tutti diritto a una cura.
Firma questa iniziativa dei cittadini europei per essere sicuri che la Commissione europea faccia tutto quanto in suo potere per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, accessibile gratuitamente a tutti e tutte.

FIRMA QUI 

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo