Musa Balde suicida presso l'ex CIE di corso Brunelleschi- No Cpr

Il 9 maggio scorso un ragazzo, Musa Balde, 23 anni, originario della Guinea, era stato aggredito a colpi di spranga da tre"onesti cittadini italiani", forse in nome di uno sgarbo ancora non chiarito. Lo avevano massacrato di botte ma, dopo il ricovero in ospedale e la denuncia in questura, era emersa l'irregolarità della sua presenza sul territorio nazionale ed era stato rinchiuso nel CPR (Centro Permanente per i Rimpatri), l'ex CIE, a Torino, in Corso Brunelleschi. L'aggredito in gabbia e gli aggressori con una semplice denuncia. Normale amministrazione. Perché sono quì? Domandava. "Quando mi fate uscire?" Ma Musa non ha retto e ieri notte si è impiccato con le lenzuola alle sbarre della propria cella. Li lo hanno trovato, morto. Ci saranno indagini? Intanto lui ha perso la vita, per aver incontrato 3 italiani razzisti e una legge che nulla ha a che fare con la giustizia.
Che dicono ora i "sinceri democratici"? Rifondazione dice : #NoCpr

Nessun profitto sulla pandemia, Rifondazione Comunista aderisce e promuove la raccolta firme europea

Il COVID-19 si diffonde a macchia d’olio. Le soluzioni devono diffondersi ancora più velocemente. Nessuno è al sicuro fino a che tutti non avranno accesso a cure e vaccini sicuri ed efficaci.
Abbiamo tutti diritto a una cura.
Firma questa iniziativa dei cittadini europei per essere sicuri che la Commissione europea faccia tutto quanto in suo potere per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, accessibile gratuitamente a tutti e tutte.

FIRMA QUI 

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo