Torino – Locatelli (Prc-Se): scorie nucleari, integrità dei territori. Signori della maggioranza della Regione non fate finta di stare dalla parte della popolazione

“Sono dei voltagabbana inaffidabili per tornaconto elettorale. Prima hanno creato il danno adesso fanno finta di stare dalla parte delle popolazioni in rivolta contro i rifiuti nucleari”, dichiara Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc-Se di Torino a proposito della Regione Piemonte e di esponenti di diversa estrazione politica impegnati a dare mostra di contrarietà alla realizzazione di un eventuale deposito nazionale di scorie radioattive sul nostro territorio. Non tutti contrari, per la verità, stante la candidatura avanzata per tornaconto economico dal sindaco leghista di Trino Vercellese a ospitare un deposito nazionale sul proprio territorio, candidatura insensata in quanto del tutto sprovvista di criteri di idoneità.

“In ogni caso, al di là della contraddittorietà dell’atteggiamento delle forze di centrodestra – aggiunge Locatelli – le contestazioni a una nuova ubicazione delle scorie sono comprensibili e condivisibili se fatta dalle popolazioni che temono giustamente per l’integrità del proprio territorio e della propria salute, altra cosa se portata avanti da esponenti politici fautori, fino a ieri, del nucleare e ancor oggi in prima linea nel portare avanti politiche energetiche dissennate. Peraltro i rifiuti radioattivi, sul nostro territorio, in un’area ad altissimo rischio, ci sono già. Attualmente l’80% dei rifiuti radioattivi si trovano a Saluggia (Vercelli), a pochi metri dalla Dora Baltea, in un deposito provvisorio, considerato del tutto insicuro. Basti dire che nel 2000, a seguito di un alluvione, venne sfiorata quella che il premio Nobel Carlo Rubbia definì una vera e propria . Rifiuti ad altissima pericolosità che devono essere messi in sicurezza per non correre il rischio di un disastro per il Piemonte e l’Italia intera. Riguardo questa messa in sicurezza siamo a fianco delle popolazioni locali che chiedono giustamente di essere tutelate nella propria integrità. Integrità che non può essere certo garantita dai voltagabbana che siedono in maggioranza alla Regione ”

Nessun profitto sulla pandemia, Rifondazione Comunista aderisce e promuove la raccolta firme europea

Il COVID-19 si diffonde a macchia d’olio. Le soluzioni devono diffondersi ancora più velocemente. Nessuno è al sicuro fino a che tutti non avranno accesso a cure e vaccini sicuri ed efficaci.
Abbiamo tutti diritto a una cura.
Firma questa iniziativa dei cittadini europei per essere sicuri che la Commissione europea faccia tutto quanto in suo potere per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, accessibile gratuitamente a tutti e tutte.

FIRMA QUI 

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo