Torino – Acerbo/Locatelli (Prc-Se): con Dana, Fabiola e tutte le detenute delle Vallette in sciopero della fame

“Basta vessazioni! Rifondazione Comunista – dichiarano Maurizio Acerbo e Ezio Locatelli, rispettivamente segretario nazionale provinciale Prc di Torino – esprime ferma riprovazione per la condizione ingiustificata di restrizione e di isolamento a cui sono costrette le detenute nel carcere delle Vallette di Torino. Contro questa condizione quattro detenute, tra cui due compagne NoTav assurdamente in carcere – da diversi giorni hanno iniziato uno sciopero della fame. In particolare la protesta è rivolta contro la riduzione delle ore di colloquio con i propri familiari previste per legge, la mancata consegna di pacchi con generi di prima necessità, l’assenza di misure di tutela sanitaria contro il rischio di contagio da Covid 19.

A Dana, Fabiola, Stefania, Manuela in sciopero della fame va tutta la nostra solidarietà. Per quanto ancora l’amministrazione penitenziaria e le istituzioni preposte possono pensare di ignorare una situazione lesiva di ogni forma di dignità delle detenute e dei detenuti? Va subito ripristinato il riconoscimento dei diritti e della dignità delle persone”. 

Nessun profitto sulla pandemia, Rifondazione Comunista aderisce e promuove la raccolta firme europea

Il COVID-19 si diffonde a macchia d’olio. Le soluzioni devono diffondersi ancora più velocemente. Nessuno è al sicuro fino a che tutti non avranno accesso a cure e vaccini sicuri ed efficaci.
Abbiamo tutti diritto a una cura.
Firma questa iniziativa dei cittadini europei per essere sicuri che la Commissione europea faccia tutto quanto in suo potere per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, accessibile gratuitamente a tutti e tutte.

FIRMA QUI 

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo