La proposta avanzata da Sciretti e Chiorino è uno sfregio a tutti gli studenti e studentesse

Riteniamo inammissibile la proposta presentata ieri dall’assessora Chiorino e dal presidente di ESDISU Sciretti di revocare i benefici per il diritto allo studio, e in particolar modo le borse di studio, agli studenti e studentesse che “abbiano commesso reati o diverse violazioni che vadano contro i principi dell’ente all’interno degli atenei”.
Questa proposta si inserisce nella scia di dichiarazioni già rilasciate da Sciretti

all’indomani dei gravissimi episodi del 13 febbraio – quando, ai margini di un convegno dell’ANPI sulle foibe, la polizia era intervenuta a difesa di alcuni militanti del FUAN, caricando un folto gruppo di studenti e studentesse che protestavano contro la presenza di fascisti in Università.
In un momento di crisi sociale ed economica come questo, il diritto allo studio è già fortemente pregiudicato e subordinato alla possibilità di acquistare e possedere idonei strumenti informatici; si stima che il 48% della popolazione studentesca non venga raggiunto in maniera efficace dalla didattica a distanza.
Ci sembra surreale che in questa situazione la priorità di EDISU non sia quella di venire incontro alle difficoltà economiche di studenti e studentesse, azzerando o riducendo le tasse universitarie, stanziando fondi e contributi per agevolare la fruizione della DaD, rimuovendo i “requisiti di merito” per le borse di studio e supportando gli studenti lavoratori che, a causa del lockdown, hanno perso l’entrata economica che usavano per mantenersi, spesso distanti dalle loro case e famiglie.
La proposta avanzata da Sciretti e Chiorino è uno sfregio a tutti gli studenti e studentesse in difficoltà, un ricatto inaccettabile nei confronti di chi manifesta liberamente il proprio pensiero rifiutandosi di stare a guardare e partecipando in prima persona alla difesa della nostra Costituzione antifascista.
Per questo motivo ci auspichiamo che i Rettori degli atenei piemontesi riconoscano la scellerata proposta di Sciretti e Chiorino in quanto tale e compiano il loro dovere civile e democratico, bocciandola e respingendola.
GIOVANI COMUNISTI/E TORINO
RIFONDAZIONE COMUNISTA TORINO

Nessun profitto sulla pandemia, Rifondazione Comunista aderisce e promuove la raccolta firme europea

Il COVID-19 si diffonde a macchia d’olio. Le soluzioni devono diffondersi ancora più velocemente. Nessuno è al sicuro fino a che tutti non avranno accesso a cure e vaccini sicuri ed efficaci.
Abbiamo tutti diritto a una cura.
Firma questa iniziativa dei cittadini europei per essere sicuri che la Commissione europea faccia tutto quanto in suo potere per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, accessibile gratuitamente a tutti e tutte.

FIRMA QUI 

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo