Piemonte - Locatelli* (Prc-Se): Icardi smettila di perdere altro tempo in materia di assunzione di personale sanitario

L’assessore regionale Icardi non meni il can per l’aia. Parli chiaro, si assuma le proprie responsabilità. E’ superfluo dire, come fa oggi a mezzo stampa, che “i bandi consentono di contrattualizzare personale sanitario proveniente da tutti i Paesi, anche da quelli non appartenenti all’Unione Europea” – lo sappiamo benissimo - se questo finora non è stato fatto. A noi interessa cosa l’assessore sta facendo all’atto pratico. Più volte nelle settimane scorse abbiamo denunciato l’inottemperanza della legge n. 27/2020 che dà la possibilità di reclutare personale medico e sanitario tra i professionisti extra Ue.

Leggi tutto...

Piemonte - Locatelli (Prc-Se): Cirio , indecenti le tue parole su misure anti Covid. Per caso vuoi adottare lo slogan nefasto “Piemonte is running”?

“Affermazioni indecenti che per puro gioco allo scaricabarile cambiano da un giorno all’altro le carte in tavola” così Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc di Torino, stigmatizza le ultime esternazioni di Alberto Circio.  Solo l’altro ieri il presidente della regione Piemonte, a proposito del lockdown che scatterà nelle prossime ore,  diceva di una sospensione necessaria per essere pronti a ripartire a breve. Ora che la decisione è stata presa Cirio, per non essere dammeno di Fontana, fa la voce grossa contro le misure che sono state prese. Troppo restrittive e diverse da altre regioni, dice Cirio, a fronte del netto miglioramento dei dati del Piemonte conseguito grazie alle scelte di prudenza che la regione ha già saputo adottare nelle settimane scorse.

Leggi tutto...

Locatelli (Prc-Se): l’emergenza Covid non si affronta chiudendo i Pronto Soccorso. Così è interruzione di pubblico servizio

“Siamo in presenza di una intollerabile interruzione di pubblico servizio”, dichiara Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc-Se con riferimento alla circolare di ieri dell’Unità di Crisi Regionale per l’Emergenza COVID 19. In questa circolare si è disposto la chiusura immediata (o mantenimento della chiusura) di tutta una serie di Pronto Soccorso dell’area metropolitana torinese (Giaveno, Venaria, Nizza Monferrato, Lanzo, Ceva, Carmagnola, Cuorgnè) al fine di recuperare personale da impiegare nell’emergenza pandemica. “Un atto di inaudita gravità”, secondo Locatelli per il quale “ai colpevoli ritardi della Regione Piemonte che non ha provveduto in questi mesi a porre rimedio a clamorosi buchi di organico con assunzioni stabili (tranne che indire all’ultimo momento l’ennesimo bando per assunzioni a termine) si risponde nella maniera peggiore. Si risponde con la chiusura di unità operative dedicate ai casi di urgenza e emergenza, con lo spostamento di personale sanitario già fortemente provato da carichi di lavoro snervante.

Leggi tutto...

Torino - Locatelli (Prc-Se): non lasciare la piazza a fascisti e sfascisti. Sosteniamo le proteste contro inadempienze sanitarie e insicurezza sociale

“Non lasciamo che il malcontento e la protesta contro ritardi e inadempienze di governo e regioni siano lasciate nelle mani di fascisti, negazionisti, cultori della violenza fine a se stessa”, dichiara Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc di Torino a proposito di quanto avvenuto ieri a Torino così come in altre città italiane. “Torino è stata teatro di azioni squadriste, devastazioni, saccheggi che nulla hanno a che fare con la domanda di salute e di reddito che c’è in questo momento” dichiara Locatelli. Ed ancora: “ Azioni che hanno come unico risultato di cancellare le ragioni della protesta di settori sociali colpiti e angustiati dal peggioramento della propria posizione sociale per inadempienze, mancanza di risposte politiche. Non è un caso che nessun giornale abbia dato spazio alle lavoratrici e ai lavoratori della cultura e dello spettacolo che hanno manifestato in maniera bella e creativa davanti al Teatro Regio oltre alla manifestazione che ci sono state di precari, disoccupati, piccoli commercianti”.

Torino - Locatelli (Prc-Se): contro le mancate politiche sanitarie e sociali ribellarsi è giusto. No alle strumentalizzazioni gaglioffe della destra

“Invece che dire stupidaggini politiche, invocare misure draconiane sul piano dell’ordine pubblico, fate lavorare il cervello. C’è in giro una rabbia sociale per mancate misure di prevenzione sulla salute e di sostegno al reddito che non può essere in alcun modo demonizzata come rabbia eversiva” sostiene Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc-Se di Torino. “Fate bene – continua Locatelli rivolgendosi alle forze di governo nazionale e regionale – a prendere seriamente in considerazione la possibilità che dopo Napoli ci siano altre città o quartieri popolari a scendere in rivolta come unica possibilità di farsi sentire. Tra queste sicuramente Torino che oltre ad essere la città più povera del centro nord Italia è quella che più ha subito una caduta ulteriore di reddito. Rivolta, sia chiaro, non contro misure di contenimento del contagio che riteniamo urgenti e necessarie – non c’è peggiore idiozia del negazionismo - ma rivolta contro la tardività, l’inadeguatezza, la mancanza di interventi che hanno contraddistinto questi mesi. Una mancanza di personale medico, infermieristico, di dispositivi sanitari – in Piemonte il bando per l’assunzione di personale Covid è di pochi giorni fa, ci vorranno tre settimane per vederlo all’opera – per non parlare delle carenze scolastiche, nel settore dei trasporti o di altri servizi essenziali.

Leggi tutto...

Basta politiche neoliberiste. Con l’emergenza sanitaria e sociale cambiare rotta

Sciopero e presidio della Cub. L’adesione di Rifondazione Comunista
Rifondazione Comunista aderisce allo sciopero della Cub del 23 ottobre e partecipa al presidio previsto nella stessa giornata Torino, alle ore 10, in piazza Palazzo di Città. Uno sciopero convocato per chiedere di cambiare rotta riguardo le politiche in tema di sanità, scuola, trasporti pubblici, più in generale in tema di servizi sociali e politiche del lavoro. L’emergenza da Covid ha evidenziato come non sia più possibile andare avanti con una politica di tagli di servizi e personale, di privatizzazioni, di trasferimento di risorse dal pubblico al privato. Una politica che ha combinato disastri sociali. Ancor oggi, in assenza di un deciso cambio di rotta si è arrivati largamente impreparati alla seconda ondata di contagio.

Il Signor Prefetto di Torino blocchi Aliud

Nelle prossime ore provvederemo a trasmettere al Signor Prefetto di Torino, formale richiesta per impedire che l'organizzazione di estrema destra Aliud organizzi il proprio convegno e concerto, sabato 24 ottobre a Torino." Aliud, dichiarano Simone Ciabattoni Consigliere circoscrizionale di Torino in Comune e Roberto Cicarelli dei Giovani Comunisti/e di Torino, è una organizzazione che porta avanti messaggi anticostituzionali e come tale va immediatamente bloccata".

Leggi tutto...

Piemonte – Prc-Se*: La notizia della morte di Carla Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi, ci rattrista profondamente

La notizia della morte di Carla Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi, ci rattrista profondamente. Con lei perdiamo una compagna, un riferimento solido per la democrazia e l’antifascismo. Carla, piemontese di nascita e residenza, ha coperto con passione e determinazione ruoli istituzionali e politici ad iniziare proprio dal nostro territorio piemontese che tanto amava, fino a giungere in Parlamento dove si è distinta per le sue proposte indirizzate a colmare divari e discriminazioni nel lavoro, l’istruzione, per i diritti delle donne, per l’ambiente.
Proveniente da una famiglia partigiana e antifascista, fu la prima comunista piemontese a entrare in Parlamento.

Leggi tutto...

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo