Martedì 16 giugno, ore 10,45, presidio conferenza stampa Prc-Se davanti alla sede dell’Unione Industriale di Torino

Martedì 16 giugno, alle ore 10,45, Rifondazione Comunista terrà un presidio conferenza stampa davanti alla sede dell’Unione Industriale di Torino in via Fanti, 17 per presentare i contenuti della campagna che il partito ha intrapreso a livello torinese e nazionale in tema di lavoro, di reddito, di rilancio dell’intervento pubblico.
Un presidio conferenza stampa che si tiene non casualmente davanti alla sede dell’Unione Industriale di Torino per denunciare l’assurdità di tutta una serie di richieste avanzate nel corso dell’ultima settimana dai rappresentanti degli industriali

Leggi tutto...

Torino - Per il diritto allo studio e la scuola pubblica. Il Prc aderisce al presidio Cobas scuola

Clicca qui per le foto dell'iniziativa

Rifondazione Comunista aderisce al presidio “la scuola che verrà“ organizzato da Cobas scuola per sabato 6 giugno 2020 ore 17 piazza Castello, sotto la Prefettura, a Torino. Siamo al fianco di lavoratrici e lavoratori della scuola oltre che degli studenti e famiglie. La scuola pubblica continua ad essere dimenticata e preda delle privatizzazioni. Le proposte per la ripartenza rimangono vaghe ed incoerenti. Noi vogliamo atti concreti e immediati, senza perdere ulteriore tempo. Servono risorse per aumento e stabilizzazione degli organici, interventi di manutenzione e recupero di locali per consentire la formazione di classi meno numerose. Le azioni intraviste fino qui vanno in tutt'altra direzione.

Leggi tutto...

Torino – Locatelli: oscena l’euforia del Pd per la bocciatura dell’acqua pubblica

Clicca qui per le foto dell'iniziativa 

A dir poco oscena l’euforia del Pd per la bocciatura della trasformazione di Smat (l’azienda metropolitana delle acque di Torino) da spa a azienda speciale consortile” dichiara Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc-Se di Torino. Una trasformazione che avrebbe riportato la gestione dell’acqua in mano pubblica. La maggioranza dei sindaci dell’area metropolitana, sia del Pd che di centrodestra, in barba al pronunciamento referendario dei cittadini del 2011 per una gestione dell’acqua totalmente pubblica, ha infatti deciso che la gestione e la fornitura dell’acqua deve rimanere nelle mani di un’azienda di natura privatistica. “Una decisione scandalosa continua Locatelli - che considera l’acqua non più bene comune, elemento vitale, diritto intangibile ma bene da sottoporre alle leggi di mercato, con cui fare profitti.

Leggi tutto...

Rifondazione Comunista per l'acqua pubblica e la difesa di tutti i beni comuni

L’acqua deve tornare pubblica! Una delegazione di Rifondazione Comunista parteciperà al presidio che si terrà venerdì 5 giugno dalle ore 14,45 di fronte allo Stadio Olimpico di Torino (in corso Sebastopoli, 96/b) in occasione dell’assemblea dei soci SMAT, composta da 288 Sindaci dei Comuni compresi nella Città Metropolitana di Torino.
L’assemblea dovrà decidere di proseguire o meno nella trasformazione di SMAT da SpA ad Azienda Speciale Consortile. La decisione di proseguire il percorso comporterebbe la possibilità di portare completamente sul terreno pubblico la gestione dell’acqua sul nostro territorio. Va ricordato che la strutturazione in SpA, società, per sua natura, di carattere privatistico, non garantisce il carattere pubblico della gestione dell’acqua, esponendosi ad eventuali “scalate” da parte di soggetti privati. La trasformazione in Azienda Speciale, invece, costituirebbe di per sé una precisa garanzia della gestione pubblica, in quanto ente strumentale dell’ente locale, pur preservandone, nel contempo, l’autonomia imprenditoriale.

Leggi tutto...

Torino – Il 2 giugno il Prc-Se in piazza Castello: tagliare le spese militari, tassare i ricchi. Garantire i diritti fondamentali alla salute, al lavoro, al reddito

Clicca qui per le foto dell'iniziativa Clicca qui per il servizio del TgR Piemonte 

Rifondazione Comunista martedì 2 giugno, ore 14,30, parteciperà al flash mob in piazza Castello, davanti alla Regione Piemonte, unitamente a realtà sindacali di base e associative varie. Rifondazione Comunista ci sarà per chiedere che i diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione – i diritti alla salute, al lavoro, alla sussistenza, alla difesa dei più deboli, i diritti di uguaglianza, ecc - siano garantiti in questa fase di emergenza sanitaria e sociale. Una fase che si sta risolvendo, purtroppo, in un aumento esponenziale della disoccupazione e delle disuguaglianze sostanziali.

Leggi tutto...

Locatelli (Prc-Se): una provocazione di chi ha la coscienza sporca il tentativo fallito di cancellare la scritta “Tav=Mafia”

Una provocazione, una operazione di depistaggio quella inscenata questa sul Monte Musiné da alcuni militanti di Fratelli d’Italia. Militanti di destra che hanno trasformato la scritta “Tav=Mafia” che da anni campeggia all’imbocco della Valsusa in “No Mes”. “E’ evidente il gioco sporco di questa formazione di destra: confondere le acque, cercare di spostare l’attenzione dai troppi scheletri nell’armadio, dai troppi esponenti arrestati per associazione per delinquere di tipo mafioso o voto di scambio con la ‘ndrangheta” sostiene Ezio Locatelli

Leggi tutto...

La proposta avanzata da Sciretti e Chiorino è uno sfregio a tutti gli studenti e studentesse

Riteniamo inammissibile la proposta presentata ieri dall’assessora Chiorino e dal presidente di ESDISU Sciretti di revocare i benefici per il diritto allo studio, e in particolar modo le borse di studio, agli studenti e studentesse che “abbiano commesso reati o diverse violazioni che vadano contro i principi dell’ente all’interno degli atenei”.
Questa proposta si inserisce nella scia di dichiarazioni già rilasciate da Sciretti

Leggi tutto...

Prc in piazza a Torino con i lavoratori del settore sociosanitario per chiedere dignità e giustizia

Venerdì 29 maggio una delegazione di Rifondazione Comunista sarà presente in piazza Castello a Torino, sotto la sede della Regione Piemonte, a sostegno del presidio delle lavoratrici del settore sociosanitario assistenziale ed educativo indetto dalle organizzazioni sindacali. Un presidio indetto per protestare contro il ricatto occupazionale, il lavoro sottopagato cui sono sottoposti gli operatori, in specie quelli del settore privato – poco più di mille euro al mese - oltre che per protestare contro gli sbagli di gestione dell’emergenza Covid19.

Leggi tutto...

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo