Valsusa – Una inchiesta autonoma sull’operato inconsulto delle forze dell’ordine dopo il ferimento di Giovanna

Non ci sono più giustificazioni riguardo l’operato delle forze dell’ordine in Valsusa. Da alcuni spezzoni di video in diretta delle manifestazioni di martedì 13 aprile a San Didero emerge con chiarezza l’uso aggressivo, vietato dalla legge, di candelotti lacrimogeni ad altezza d’uomo per terrorizzare i manifestanti NoTav. In uno dei video si sente distintamente un carabiniere dire: “Sì, ne ho tirati due in faccia sulla strada”. Il ferimento grave di Govanna, un’attivista NoTav alla quale ribadiamo la nostra piena solidarietà, è il risultato di questo comportamento inconsulto che mette a rischio l’incolumità delle persone.

Leggi tutto...

Paolo Ferrero -Rifondazione Comunista, Vicepresidente Partito della Sinistra europea, interviene sulla reazione delle forze dell'ordine e ferimento grave di una attivista No Tav

" In primo luogo voglio esprimere la mia solidarietà a Giovanna, ricoverata in ospedale per fratture al viso, colpita da un candelotto sparato ad altezza d'uomo.
Ieri ero alla pacifica manifestazione NO TAV che si é svolta a San Didero. È inaccettabile che le forze di polizia che si comportano in Val di Susa come forze di occupazione sparino candelotti lacrimogeni ad altezza d'uomo, usando nei fatti i lacrimogeni come fossero proiettili. Si tratta di una palese illegalità, che esula completamente dai modi in cui la polizia può intervenire in uno stato democratico. Incredibile che la magistratura torinese non apra indagini su questo modo di procedere"

Per l’Europa riforme condizionanti, per l’Italia sostegno al capitalismo , per il Piemonte clientelismo

di Giorgio Pellegrinelli*
Abbiamo criticato il ricoveri plan, a livello europeo e poi nella bozza di Conte, per ragioni di fondo:
-non è adeguato alla crisi globale, precedente al Covid e moltiplicata dalla pandemia.
-non è centrato sulle emergenze sociali (sanità, istruzione, occupazione, sostegno al reddito), ma piuttosto alla riorganizzazione delle economia europea.

Leggi tutto...

Bene che Dana esca dal carcere ma non basta. Libertà per tutti i Notav che lottano contro le devastazioni ambientali

Dopo sette mesi di carcere ingiusto il Tribunale di sorveglianza di Torino ha concesso la detenzione domiciliare a Dana Lauriola. L’attivista Notav era stata condannata a due anni dal carcere per aver partecipato nel marzo 2012 ad una manifestazione pacifica contro il Tav sulla A32, quando venne data la possibilità agli automobilisti, a scopo dimostrativo, di passare senza pagare il pedaggio. Una condanna assurda contro cui sì è levata la protesta di tanti esponenti politici e della cultura in tutta Italia. Bene che Dana sia uscita dal carcere ma rimane l’ingiustizia di una condanna detentiva a due anni degna dei peggiori regimi autoritari. Basta repressione. Rifondazione Comunista ribadisce il proprio sostegno a chi difende il proprio territorio dalle devastazioni ambientali e dalle speculazioni affaristiche.
Rifondazione Comunista Torino

Giusto resistere in Valsusa all’usurpazione e alle grandi opere. Sugli scontri in Valsusa le parole del Prefetto fuori luogo

Siamo spiacenti ma quelle del Prefetto di Torino sono parole di condanna fuori luogo. Parole come al solito a senso unico, rivolte contro chi resiste all’usurpazione. L’unico rischio di deriva violenta che vediamo in queste ore è quello innescato dall’occupazione militare delle aree di San Didero. contro la volontà delle popolazioni e delle amministrazioni locali al fine di dare corso alla costruzione di un nuovo grande autoporto in sostituzione di quello di Susa, dove invece verrà realizzata una nuova stazione della linea ad alta velocità Torino-Lione. L’unico rischio di deriva violenta che vediamo in queste ore è quella innescata dal ricorso arbitrario e pesante a cariche di polizia, dall’uso di lacrimogeni e idranti come è avvenuto al cantiere e anche ieri sera in pieno centro abitato a San Didero con ferimenti vari di manifestanti.

Leggi tutto...

Siamo dalla parte di chi resiste all’uso della forza per imporre le grandi opere in Valsusa

La scelta di proseguire nell’opera di devastazione della Valsusa per realizzare la linea di AV Torino Lione e il nuovo grande autoporto di San Didero-Bruzolo Sitaf in sostituzione dell’autoporto di Susa è semplicemente scellerata. Come Rifondazione Comunista non possiamo che stare dalla parte di chi si oppone e resiste, legittimamente, alla violenta distruzione di un intero territorio per opere mastodontiche che hanno valenza eminentemente speculativa.

Leggi tutto...

Rifondazione Comuista Torino- il 10 aprile in piazza Castello per una società della cura

Clicca qui per alcune foto dell'iniziativa

Il Partito della Rifondazione Comunista, in occasione della Giornata mondiale della salute di sabato 10 aprile, sarà presente in piazza Castello alle ore 15, insieme alle altre componenti sociali, sindacali, politiche che convergono della Società della Cura a sostegno della campagna di firme ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) “Right2cure” che richiede vaccini gratuiti, universalmente accessibili e la rimozione urgente dei brevetti sui vaccini, misure indispensabili per accelerare la campagna vaccinale e salvare migliaia di vite.

Leggi tutto...

Lavoro e Salute numero di aprile

In rete il numero di aprile del mensile Lavoro e Salute diretto da Franco Cilenti
Clica qui per consultarlo

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo