Buoni alimentari per tutte le persone che ne hanno bisogno: segnalazioni contro le politiche discriminatorie adottate dai Comuni Pubblicato il 24 apr 2020

I fondi per i buoni alimentari destinati a far fronte all’emergenza causata dal covid 19 sono ormai esauriti. Contravvenendo alle linee guida dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) che opera sotto la Presidenza del Consiglio dei Ministri, alcuni Comuni hanno posto limitazioni indebite alla loro erogazione vietandone l’erogazione (o limitandola attraverso una graduatoria), a coloro che non risultano residenti, non titolari della Carta di soggiorno, non legalmente soggiornanti. Si tratta di un’azione apertamente discriminatoria verso cui intendiamo agire per ogni via consentita.


Ci apprestiamo ad inoltrare segnalazioni (allegate) all’UNAR, alle Prefetture competenti, ai responsabili locali e regionali della Protezione Civile. Laddove ravviseremo danni arrecati a persone aventi diritto a tali benefici ci riserviamo la responsabilità di presentare denunce presso le Procure competenti.
Se sarà difficile rimediare ai danni procurati dai fautori del “prima gli italiani” che dimostrano di non conoscere il dettato costituzionale sarà però possibile pretendere da parte delle istituzioni maggiore controllo laddove, come ci auguriamo, saranno disposti ulteriori interventi di sostegno alla povertà assoluta che l’emergenza covid ha accentuato ma che già pre esistevano in un paese abituato a dimenticare o a considerare nemico chiunque, italiano o straniero che sia, abbia la colpa di vivere in miseria.
Rete delle città in comune
Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Emergenza sanitaria: nessuno sia solo

 Gli sportelli sociali a Torino 

Anche a Torino e in Piemonte siamo in piena emergenza sanitaria. Nell’impossibilità di tenere materialmente aperti gli sportelli sociali che operano da anni presso la “Casa del Popolo La Poderosa” di Torino l’associazione La Poderosa Servizi, Rifondazione Comunista e il periodico Lavoro e Salute hanno deciso di mettere in rete gli sportelli sociali e i contatti ( mail: poderosaservizi@gmail.com – cell. 3453568126 ) per accedere ai servizi di informazione e di consulenza forniti dagli stessi. Gli sportelli, supportati da un pool di professionisti, medici, psicologi, avvocati, mediatori culturali, lungi dal sostituirsi ai canali istituzionali preposti a rispondere a tutta una serie di bisogni sociali, intendono offrire, per quanto di propria competenza, servizi gratuiti di informazione e di prossimità sociale.

La Poderosa Servizi Rifondazione Comunista Lavoro e Salute

Casa del Popolo La Poderosa - TORINO

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo