LUNEDI' 20 LUGLIO ORE 20.45 DIRETTA FACEBOOK " Dopo la crisi sanitaria il dramma sociale. Il caso paradigmatico di Torino

Puoi seguire la diretta su: https://www.facebook.com/PRCTorino oppure https://www.facebook.com/paoloferreroPrc o sul sito internet https://www.prctorino.org/

Introduce:
EZIO LOCATELLI Segretario Prc Torino
Intervengono:
ELEONORA ARTESIO: Capogruppo consiliare Torino in Comune
VITTORIO DEMARTINO: Segretario Regionale Fiom Piemonte
PIERLUIGI DOVIS: Direttore Caritas Torino delegato Caritas Piemonte e Valle d'Aosta
ELISABETTA GRANDE: Docente universitaria
Conclude:
PAOLO FERRERO: Vice Presidente Sinistra Europea

 

Dopo l’emergenza sanitaria il dramma sociale. Tutte le previsioni dicono che Torino sarà la città più colpita d’Italia. Per questo parliamo di Torino come di un caso paradigmatico che parla al resto del Paese. Il coronavirus ha peggiorato in maniera esponenziale una situazione di crisi, di impoverimento sociale che si trascinava da anni. Ad esserne colpiti maggiormente i lavoratori precari, informali o con bassi salari, gli autonomi, i giovani, le donne, gli immigrati oltre ovviamente i lavoratori dell’automotive, comparto prima trainante e oggi in forte difficoltà. Una crisi che, va sottolineato, non è solo il risultato di una contrazione di alcune attività economiche ma anche e soprattutto della svalorizzazione del lavoro, della riduzione dei livelli di protezione sociale, delle disparità sociali, dei molteplici fattori di fragilità di un sistema concepito per produrre ricchezza per pochi e debiti per la maggioranza della persone. Un sistema che va radicalmente cambiato, che è possibile cambiare dando al contempo, nell’immediato, risposte di sostegno e solidarietà ai bisogni cruciali di sussistenza di centinaia di migliaia di persone in difficoltà. Su queste questioni, sulle risposte da dare, proponiamo un incontro con diverse figure impegnate sul piano istituzionale, sindacale, associativo, culturale, politico.
La segreteria provinciale Prc-Se di Torino.
Puoi seguire la diretta su: https://www.facebook.com/PRCTorino oppure https://www.facebook.com/paoloferreroPrc o sul sito internet https://www.prctorino.org/

Introduce:
EZIO LOCATELLI Segretario Prc Torino
Intervengono:
ELEONORA ARTESIO: Capogruppo consiliare Torino in Comune
VITTORIO DEMARTINO: Segretario Regionale Fiom Piemonte
PIERLUIGI DOVIS: Direttore Caritas Torino delegato Caritas Piemonte e Valle d'Aosta
ELISABETTA GRANDE: Docente universitaria
Conclude:
PAOLO FERRERO: Vice Presidente Sinistra Europea

Dopo l’emergenza sanitaria il dramma sociale. Tutte le previsioni dicono che Torino sarà la città più colpita d’Italia. Per questo parliamo di Torino come di un caso paradigmatico che parla al resto del Paese. Il coronavirus ha peggiorato in maniera esponenziale una situazione di crisi, di impoverimento sociale che si trascinava da anni. Ad esserne colpiti maggiormente i lavoratori precari, informali o con bassi salari, gli autonomi, i giovani, le donne, gli immigrati oltre ovviamente i lavoratori dell’automotive, comparto prima trainante e oggi in forte difficoltà. Una crisi che, va sottolineato, non è solo il risultato di una contrazione di alcune attività economiche ma anche e soprattutto della svalorizzazione del lavoro, della riduzione dei livelli di protezione sociale, delle disparità sociali, dei molteplici fattori di fragilità di un sistema concepito per produrre ricchezza per pochi e debiti per la maggioranza della persone. Un sistema che va radicalmente cambiato, che è possibile cambiare dando al contempo, nell’immediato, risposte di sostegno e solidarietà ai bisogni cruciali di sussistenza di centinaia di migliaia di persone in difficoltà. Su queste questioni, sulle risposte da dare, proponiamo un incontro con diverse figure impegnate sul piano istituzionale, sindacale, associativo, culturale, politico.
La segreteria provinciale Prc-Se di Torino

 

 

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo