Gastone Cottino: "Un fatto gravissimo che il 2 giugno in piazza vadano i fascisti. E che gli italiani lo consentano"

Tratto da La Repubblica

Intervista a un grande intellettuale, ex partigiano e docente universitario
«Il 2 giugno è una festa che non scalda il cuore degli Italiani: per noi la Repubblica è un fatto assodato, tanto che in piazza in Italia oggi vanno i fascisti e chi accetta una logica fascista, che oggi si declina nel razzismo e nell'intolleranza strisciante in Italia, e in generale in Europa. E' una vergogna». Con i suoi 95 anni non ha timore a dire quel che pensa Gastone Cottino,

oggi diviso tra la sua casa di Torino e quella della famiglia materna a Borgo San Dalmazzo, nel Cuneese, dove si è rifugiato dopo le settimane trascorse in città per la quarantena imposta dall'epidemia di coronavirus. Una gioventù da partigiano, vissuta come “talpa” nella Prefettura di Torino, sede del capo politico del Partito fascista, dove Cottino viveva e lavorava con documenti falsi nelle vesti di un ex combattente sardo, viaggiatore di commercio per conto di un imprenditore canavesano. Da qui ha diretto la campagna per l'insurrezione e l'occupazione del municipio il 26 aprile del 1945. Nel dopoguerra, ruppe con il partito Liberale per poi militare nella sinistra e avviare la carriera accademica. E' stato prima docente di diritto commerciale e poi preside della facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Torino della quale è professore emerito dal 2000.

Professore qual è lo stato di salute della Repubblica in Italia?
«Credo sia seriamente in discussione e insidiata dal montante fascismo che si respira nel nostro Paese, ma non solo. E' un fatto gravissimo, e indigna che in piazza il 2 giugno vadano i fascisti e che gli italiani lo consentano. In parte dipende anche dal fatto che non sia mai stata vissuta come una festa identitaria, nonostante il grande valore fondativo del 2 giugno del 1946 nella storia d'Italia».
Perché secondo lei?
«Un po' credo sia dovuto al calendario: il 2 giugno è vicino al 25 aprile che resta la festa dell'antifascismo su cui si riconosce la stragrande maggioranza degli italiani, e al Primo maggio che, anche nei momenti più difficili, è stato e resta il momento fondante dell'orgoglio operaio. La Repubblica è considerata un fatto normale, non c'è lo spirito anche un po' artefatto del 14 luglio francese. Poi c'è la scelta di celebrarla con una parata militare, che io personalmente non condivido, perché non risponde allo spirito che animò la scelta fatta dagli italiani 74 anni fa».
Cosa ricorda di quel periodo?
«C'era un conflitto durissimo, nei partiti, tra i partiti, ma persino nei rapporti personali. Si ruppero delle amicizie in quelle settimane. Tra monarchia e repubblica era davvero un dilemma morale tra il mondo che voleva cambiare pagina e chi invece voleva tornare al Medioevo. La monarchia ci aveva portato a più riprese in situazioni illiberali, ci aveva messo nelle braccia del fascismo, fino alla vergogna della firma posta dal re alle leggi razziali del 1938. Avevamo la sensazione che la scelta fosse tra progresso e conservazione e che quello fosse il punto da cui sarebbe passata o non passata la nuova Italia. In noi c'era lo spirito egualitario e libero che aveva animato le formazioni partigiane e che si sarebbe poi tradotto nello straordinario impegno dell'assemblea costituente».
Nonostante la forza dell'antifascismo e la voglia di cambiamento il risultato del referendum non fu travolgente
«Furono giornate tesissime: il voto fu contestato, per presunte irregolarità del ministro degli interni Romita, il Re di maggio sembrava non volesse andarsene e noi dopo l'entusiasmo iniziale siamo rimasti appesi al filo della decisione di Cassazione, che salvò il risultato, ma fu un momento drammatico. Il contrasto tra repubblicani e monarchici era radicale: chi voleva la monarchia impersonava la fedeltà a interessi che la Resistenza prima e la Costituzione poi, puntavano a mettere in discussione».
La frattura ideologica ebbe conseguenze negli anni successivi?
«Malgrado la repubblica, l'Italia ha conosciuto rigurgiti di quel conservatorismo. C'è stata la rimozione del fascismo, gli anni di Scelba con i processi ai partigiani. Più volte nella nostra storia quell'istanza ha alzato la testa. Ma il fascismo è stato sconfitto dalla storia e anche ciò a cui assistiamo ora è perdente».

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo