Sinistra europea, il tedesco Bierbaum è il nuovo segretario. Ferrero sarà il numero due

di Matteo Pucciarelli, articolo su La Repubblica clicca qui per l'articolo

MALAGA - La tre giorni della Sinistra europea - il partito che tra soggetti membri e osservatori riunisce a sua volta 65 partiti della sinistra radicale continentale - si chiude con un nuovo segretario e l'intramontabile canto dell'Internazionale da parte dei delegati. È il tedesco Heinz Bierbaum, 73 anni, una vita nel sindacato metalmeccanico Ig Metall e responsabile Esteri della Linke ("sinistra", in tedesco), a succedere ad un altro tedesco, Gregor Gysi, figura di spicco della politica in Germania sin dai tempi della Ddr, quando ormai lo stato socialista dell'est era al tramonto.



Una scelta un po' a sorpresa, nel senso che Bierbaum è conosciuto nell'ambiente sindacale internazionale ma assai poco al grande pubblico. Se il "vecchio" Gysi poteva vantare un côté politico di livello europeo, non è così per Bierbaum. "È vero - conferma il neo segretario - ma è una fase in cui occorre un lavoro più collettivo ed è in questo che presterò la massima attenzione". Sì perché al di là delle frasi di circostanza dei momenti pubblici, il progetto della Sinistra europea - fu fondata da Fausto Bertinotti nel 2004 - nuota in acque tempestose. Due tra le forze della sinistra radicali più importanti in Europa non ne sono affiliate, è il caso di Podemos e di France Insoumise. Il gruppo parlamentare del Gue ospita anche altre forze ecologiste che non sono nella Se. Distinguo difficili da comprendere, visto che poi l'area politica e i valori di base sono comuni. "A sinistra c'è chi crede che la Ue sia riformabile e chi invece non lo pensa, ma questo non può significare che non si possa collaborare, anzi occorre investire in campagne pubbliche riconoscibili e coordinate tra noi", spiega Bierbaum. Riconversione ambientale, aumento degli investimenti pubblici e rigetto delle politiche di austerità, solidarietà e femminismo: è su questi punti chiave che la Se cercherà un rilancio.
Il problema di fondo però è che in tutta Europa aumentano i consensi dell'estrema destra da un lato e dei partiti ambientalisti nel campo largo della sinistra. L'euroscetticismo, benzina potente nel discorso pubblico contemporaneo, è appannaggio dei sovranisti; mentre lo spazio per "un'altra Europa" si è drammaticamente ridotto dopo l'esperienza non felice di Syriza, il partito più importante della Se, al governo in Grecia. I buoni risultati del Portogallo, guidato da socialisti e comunisti, non hanno avuto la stessa carica simbolica. "Non siamo stati capaci di presentare noi stessi come una credibile alternativa", ammette sempre Bierbaum, riferendosi al risultato negativo delle scorse Europee, dove complessivamente il gruppo del Gue è passato dal 6,9 al 5,5 per cento.

Se la Se non se la passa bene, va ancora peggio per la "sezione" italiana. Rifondazione è partito membro, Sinistra Italiana è osservatore. Assieme lo scorso maggio non hanno raggiunto il 2 per cento. Se una volta l'Italia pareva un laboratorio di primo piano per la sinistra di alternativa, tanto che partì proprio su impulso del Prc l'idea di fondare il partito transnazionale, a questo giro - per dire - mancava pure la traduzione in italiano per i delegati. In compenso "in Spagna - ragiona l'ex ministro Paolo Ferrero, rieletto nella vicepresidenza - i nostri compagni stanno trattando con i socialisti per il governo. Dobbiamo far conoscere e valorizzare i punti qualificanti di questo programma, far sapere in tutta Europa cosa di buono verrà fatto. Dobbiamo poter dire in ogni Paese cosa la sinistra di alternativa è in grado di fare quando governa e quale è la nostra utilità sociale, la nostra efficacia nello sconfiggere le politiche liberiste". Ma sarà pure quello un esecutivo appeso ad un filo, i numeri in Parlamento parlano chiaro; per la sinistra-sinistra, in Italia e altrove, l'inverno sembra ancora lungo.

componenti segreteria provinciale

Locatelli Ezio – segretario provinciale e resp organizzativo

Chiaretta Marisa - tesoriera

Ciabattoni Simone - comunicazione

Fratoni Simone - movimenti e pratiche sociali

 

componenti comitato politico provinciale

Locatelli Ezio - segretario provinciale

Alberione Stefano

Alfonzi Daniela

Arisio Fiorenza

Bagno Mirco

Bassani  Alberto

Bellarosa Franccesco

Bettarello Claudio

Bianco Bruno

Bosco Marina

Buonavita Francesco

Camedda Luigi

Cecchetto Federico

Cera Valentina

Chiaretta Marisa

Ciabattoni Simone

Cristofari Fausto

Deluca Loretta

Destefano Giovanni

Fratoni Simone

Gecchele Nadia

Giacometti Samantha

Giorcelli Aldo

Giuliani Paolo

Goiran Adolfo

Grassedonio  Antonio

Lamanna Loredana

Locatelli Ezio

Loro Piana Marina

Marzocchi Chiara

Miotto Claudio

Naggi Gianni

Neroni Luciano

Perini Cadigia

Pizzutto Letizia

Preve Roberto

Provera Marilde 

Pulizzi Annamaria

Rafaschieri Delfo

Romito Roberto

Rossi Graziano

Sassu Domenica

Satalino Rosella

Stagliano' Domenico

Stillitano Francesco

Turra' Simone

Zanoli Renato

Zaramella Gianpaolo

 

COLLEGIO GARANZIA

Mallevadore Benedetto - Presidente

Cavone Nicola

Gasparotto Claudio

Gualeni Marco

Peluso Luisa

Rinallo Girolamo

Savino Maria

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo