Locatelli (PRC): chiedere la chiusura della mostra sui rifugiati Palestinesi è una vergogna

Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc di Torino ha rilasciato la seguente dichiarazione:
“Il presidente della Comunità ebraica di Torino deve vergognarsi.  La sua richiesta di chiudere la mostra sul “lungo viaggio della popolazione palestinese rifugiata” – una mostra spacciata per atto ostile contro Israele –  è un inqualificabile atto di intolleranza

che va respinto senza mezzi termini. Spero proprio che i primi ad indignarsi siano i cittadini italiani di fede ebraica unitamente a tutti i cittadini democratici e antifascisti che hanno a cuore la libertà di espressione e la difesa della dignità di tutti i popoli.
Se oggi c’è un popolo calpestato nella sua dignità e nel suo diritto ad avere una propria terra, un proprio Stato questo è il popolo palestinese. Basti ricordare che ad oggi Israele ha illegalmente confiscato il 52% del territorio della Cisgiordania, che le 232 colonie israeliane abitate da 60 mila ebrei controllano i  5/6 delle risorse idriche. Nella Striscia di Gaza il 32% dei territorio è occupato illegalmente da 3mila ebrei. Nel rimanente 68% della Striscia vivono stipati in condizioni disumane 700 mila palestinesi. Il governo di Tel Aviv ha ridotto i territori in campi di prigionia e, in qualche caso, in campi di sterminio.
La protervia del presidente della comunità ebraica di Torino non può celare la verità e il dramma della popolazione palestinese. La mostra, ospitata dal Museo della Resistenza, è curata dall’Unrwa, l’organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa dei rifugiati palestinesi. Il nostro invito è di visitarla”.

Torino, 21 novembre 2014

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo