Piemonte – Locatelli* (Prc-Se): fate qualcosa per prevenire i disastri ambientali. Basta lacrime di coccodrillo

Per favore risparmiateci le frasi di circostanza, le lacrime di coccodrillo.  Ogni anno che passa è sempre peggio. Piogge che si trasformano in alluvioni, temporali che si trasformano in disastri ambientali. E’ quello che è successo tra ieri e stamattina in Piemonte e nelle regioni limitrofe, con morti e decine di dispersi.  Una tragica dimostrazione, l’ennesima,  delle ricadute dovute agli sconvolgimenti ambientali. Stiamo andando a schiantarci contro un muro ma non stiamo facendo nulla per evitare il peggio.

 

Anzi, si spendono miliardi in opere inutili, inquinanti e distruttive come il Tav in Valsusa nel mentre siamo all’anno zero per quanto riguarda gli interventi di riassetto idrogeologico, di prevenzione ambientale, di contrasto ai cambiamenti climatici. Nell’esprimere vicinanza alle popolazioni colpite dai disastri di queste ore ribadiamo con molta forza il nostro impegno contro tutto ciò che va contro la sicurezza ambientale, la tutela del territorio. Serve un nuovo modello di sviluppo rispettoso dell’ecosistema a garanzia della vivibilità ambientale.  Basta lacrime di coccodrillo, si faccia qualcosa per prevenire i disastri ambientali.    

Nessun profitto sulla pandemia, Rifondazione Comunista aderisce e promuove la raccolta firme europea

Il COVID-19 si diffonde a macchia d’olio. Le soluzioni devono diffondersi ancora più velocemente. Nessuno è al sicuro fino a che tutti non avranno accesso a cure e vaccini sicuri ed efficaci.
Abbiamo tutti diritto a una cura.
Firma questa iniziativa dei cittadini europei per essere sicuri che la Commissione europea faccia tutto quanto in suo potere per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, accessibile gratuitamente a tutti e tutte.

FIRMA QUI 

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo