Articoli

Ricordo di Diego Novelli

E’ morto Gianni Alasia, un vero socialista
di Diego Novelli
È morto Gianni Alasia, è un morto un vero socialista. Un socialista dal rosso antico. Un socialista che di fronte alla tragedia dell’8 settembre non esito a schierarsi dalla parte giusta. Un antifascista che concepiva questo suo essere un valore assoluto perché contro la violenza, per la libertà, l’uguaglianza.
Senza retorica era un figlio di quella che un tempo si chiamava classe operaia. Fu tra gli organizzatori degli scioperi del marzo ’43 in pieno regime dittatoriale fascista.
Dopo la guerra partigiana, a cui prese parte come esponente del Partito Socialista Italiano di Pietro Nenni e di Riccardo Lombardi, si dedicò al sindacato e fu nominato uno dei segretari della Camera del Lavoro di Torino.
Al momento della rottura del Psi aderì allo Psiup «come socialista», come lui soleva ripetere. Aderì successivamente alla fusione del Psiup con il Pci. Sempre come socialista.
Dopo lo scioglimento del partito fondato da Antonio Gramsci e sciolto da Achille Occhetto non aderì alla “Cosa 1”, tantomeno alle altre formazioni che ne seguirono: “Cosa 2”, Pds, Ds , rimanendo socialista con la tessera di Rifondazione Comunista.
Gianni ha rappresentato non solo per il movimento operaio, ma per tutti i democratici, progressisti un esempio di coerenza di rettitudine di grande dignità. Amava il confronto delle idee, la forza della ragione rifiutando il fanatismo ideologico.
Era un vero socialista.

Comunichiamo che la sede provinciale, a partire dal 6 aprile 2018, sarà aperta dal lunedì al venerdì, il pomeriggio, dalle ore 14,30 alle ore 18,30. Durante la settimana rimarranno invariati gli orari di apertura degli sportelli sociali (Caf, sportello migranti). Per ogni altra esigenza, informazioni o comunicazioni telefonare, sempre al pomeriggio, al numero 011 4817312 o direttamente ai compagni della segreteria.

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo