"Jus soli" e "Jus culturae"

Venerdì 3 novembre, dalle 17,30 in avanti Festa in piazza Castello - Torino in favore dello “ius soli” e lo “ius culturae”. Festa pubblica dove informare, cantare, ballare. Rifondazione Comunista di Torino ha aderito e interverrà a questa iniziativa per la riforma della cittadinanza, per l’accesso alla cittadinanza dei minori di origine straniera, attualmente italiani di fatto ma non di diritto. I compagni e le compagne sono invitati a partecipare con le bandiere di partito. 

Intervento di Renato Zanoli per il PRC-SE

Sono qui per portarvi il sentire delle compagne e dei compagni della Rifondazione Comunista e la contiguità  in questa battaglia di civiltà e giustizia del Partito tutto. 

Il disegno di legge 2092 è il frutto di continue modifiche al testo originale, modifiche non certamente migliorative, ma tant’è occorre da qualche parte iniziare un cammino anche se la strada si presenta in salita.    

Se con il pensiero torniamo al 4 di dicembre 2016, riappare nella mente la magniloquenza con cui la vittoria del No al Referendum confermativo sulla riforma della Costituzione era salutata da un variopinto mondo della politica.

“Il popolo, ancora una volta, ha respinto l’attacco alla manomissione della nostra Costituzione, una delle più belle costituzioni del mondo”, si affermava con enfasi. 

 Oggi, nemmeno un anno dopo, parte di quella stessa politica che asseriva voler sostenere il dettato di una delle più belle costituzioni del mondo ne mortifica lo spirito tradendola.

 Tutti i giorni, nelle aule delle nostre scuole, a circa 800.000 tra bambini e ragazzi figli di immigrati  (circa 635000 nati in Italia e 167000 immigrati ) è insegnato che: l’Italia, una delle colonne su cui si basa la civiltà occidentale, è ed è stata la culla del diritto, che la lotta della resistenza, battaglia contro la barbarie, è stata una dura lotta per consegnare a tutti: libertà, giustizia ed eguaglianza,  che con i suoi migranti il Paese ha contribuito a rendere grandi nazioni come gli Stati Uniti d’America ……….e via di questo passo. 

All'opposto, questi  stessi alunni, si troveranno, tutti i giorni, a vivere  una triste ed  insensata contraddizione :  partecipare a lezioni di cittadinanza, di diritti  e di doveri, di eguaglianza e di libertà e non poter essere cittadini italiani sebbene ne abbiano diritto.

La beffa è più grande, per loro e sicuramente anche  per i loro insegnanti, se si considera che è fatto obbligo,  secondo le leggi dello Stato, doverli educare “alla cittadinanza ed alla  costituzione”  pur sapendo che per molti di loro cittadinanza e diritto di voto rimarranno un miraggio.

Italia, patria della civiltà e del diritto, rimane probabilmente solo in un immaginario sempre più ridotto e nella retorica dei discorsi.

I figli di migranti nati qui, dovranno attendere fino a 18 anni senza nemmeno avere la certezza di essere cittadini italiani. E nel caso fossero giunti  in Italia da piccoli, oggi come oggi diventare “clandestini” se dimentichi di pagare la tassa del permesso di soggiorno o, se il genitore perde il lavoro, ritrovarsi nella condizione di irregolare.

Come si può tollerare, come si può  pretendere di educare alle regole della democrazia e della convivenza bambini e ragazzi che sono e saranno discriminati in base alla loro provenienza?

È una situazione intollerabile e pesante, ma diviene indecente quando si sente affermare "Continuiamo a pensare che questa sia una buona legge, ma sa tutto di cosa giusta fatta in un momento sbagliato ……..  ".  Parole in libertà non dette al bar o dal barbiere da uno qualsiasi ma rese dal ministro  Angelino Alfano a proposito del ddl su cittadinanza e ius soli nel confronto con l’ex sindaca di Lampedusa Giusi Nicolini  in un dibattito ad una delle feste settembrine del PD.  

Un caso isolato? No, sbagliare è umano, ma persistere è diabolico!! 

Infatti, non trascorre molto tempo da questa asserzione che la ministra della salute Beatrice Lorenzin annuncia che lei è “più favorevole allo 'ius culturae”…..”ius culturae che coinvolga tutto il sistema scolastico e sia acquisibile esclusivamente dopo aver completato un intero ciclo di studi in Italia”.

Ma la polpetta avvelenata più pericolosa, perché subdola e fuorviante, sia quell’<aiutiamoli a casa loro> del nostro ex Presidente del Consiglio. 

Aiutiamoli a casa loro è titolo di un tema il cui sviluppo è defilato dai riflettori perché concretamente comporta mercanteggiamento con le milizie libiche di criminali affinché si costituisca un ulteriore invisibile muro per fermare esseri umani che non hanno commesso alcun reato e che sono incarcerati, seviziati, stuprati con l’unica colpa di cercare la sopravvivenza. 

Insomma c’è un mondo emergente che dice esser democratico, cristiano, crociato delle libertà, dell’eguaglianza  ………. e, chi più ne ha più ne metta, che nei fatti questo mondo attesta che  le miopi convenienze personali valgono  più dei diritti e delle sofferenze di  centinaia di migliaia di persone.

Nel nostro caso, si badi bene, ci riferiamo a persone che rappresentano una parte vitale del futuro del nostro Paese. 

Chiudo ricordando che nel masochistico gioco delle classifiche la culla del diritto dimostra la sua decadenza quando osserviamo che quasi  tutti i Paesi del continente americano applicano lo ius soli in modo automatico e senza condizioni, come gli Stati Uniti, il Canada e quasi tutta l'America meridionale, mentre in Europa la cittadinanza attraverso lo ius soli,  pur con qualche condizione è concessa in Francia, Portogallo, Spagna, Regno Unito e Germania.

Questa legge non è quanto vogliamo ottenere, ma siamo sicuri che è solo l’inizio e che noi vogliamo continuare a perseverare sino al completo riconoscimento di uguali diritti e parità di condizione umana, sociale, politica, tra nativi e migranti.

I diritti sono tali se sono per tutti, perché in caso contrario non sono diritti.

Un abbraccio a tutte e tutti

[3 Novembre 2017 - Festa in Piazza Castello – Torino - L’Italia siamo già noi - Ius soli temperato – ius culturae]</span></em></p> <p class="p1" style="text-align: left;"> 

Tutte le scadenze sulle iniziative di contrasto al G7 di Venaria

26 settembre ore 11,30
CONFERENZA STAMPA
presso La Poderosa assieme alle altre forze organizzate promotrici dell’iniziativa del 29

 

27 settembre alle ore 12,00
presidio Flash Mob di Rifondazione Comunista a Ivrea, davanti alla sede di Vodafone


27 settembre alle ore 18,00
EVOLUZIONE DELLA REPRESSIONE DALL’APPLICAZIONE DEL DECRTETO MINNITI-ORLANDO
Iniziativa curata e promossa dai Gc presso la Cavallerizza



29 settembre mattino
CORTEO STUDENTESCO NAZIONALE.
Sarà prevista la partecipazione dei Gc


29 settembre alle ore 17,30
CONTRO I PADRONI DEL MONDO, LA NOSTRA LOTTA.
Iniziativa coorganizzata dal Prc assieme ad altre soggettività politiche sociali e sindacali.  
Corteo con concentramento in zona Porta Palazzo (zona ex stazione Ceres) per raggiungere il cuore di Barriera di Milano e svolgere una assemblea pubblica sui temi del lavoro.

30 settembre pomeriggio
CORTEO CONCLUSIVO
Manifestazione conclusiva delle giornate di mobilitazione.
Rifondazione Comunista assieme a diverse altre forze organizzate parteciperà sulla base dei contenuti e delle forme di piazza, decise per la Manifestazione del 29 settembre.
_________________________

il 13 settembre si è svolto un incontro pubblico

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo